Calimera (Lecce) - Italia

Fiusis Impianto

Ulivi non solo olio, ma anche combustibile

Un impianto di cogenerazione per ottenere energia elettrica pulita

Nessuna colonna di fumo nero salirà più dai campi di Calimera, paese nella campagna del salentino in Puglia. I contadini, infatti non bruceranno più all’aperto gli scarti di potatura degli ulivi, la coltura più diffusa nella zona, creando inquinamento, ma ne ricaveranno un reddito vendendole ad un’azienda agricola, la Fiusis srl guidata da Marcello Piccinni. Che le brucerà sì, ma non all’aperto. Bensì in un impianto di cogenerazione per ottenerne energia elettrica e termica.

TUTTI CONTENTI...ANCHE NELL'AMBIENTE

Ha ottenuto la quadratura del cerchio Uniconfort che, con la sua caldaia, scalda un’azienda, produce energia elettrica e offre un reddito alle decine di coltivatori che in precedenza eliminavano i loro scarti bruciandoli o pagando per il loro smaltimento. Inoltre, l’impianto lavora con combustibile a chilometri zero. Non a caso il progetto ha visto l’adesione entusiasta del Comune di Calimera, della Provincia di Lecce, di Arpa Puglia e del Ministero delle Sviluppo Economico.

COME FUNZIONA: CALORE ED ENERGIA

L’impianto produce 1 MW di energia elettrica e 4 MW di energia termica ogni ora. L’energia pulita prodotta viene venduta all’Enel che la immette nella cittadina di Calimera con una tariffa incentivante. La cogenerazione, cioè la generazione nello stesso impianto di energia termica e elettrica, è un processo che permette di ottimizzare l’utilizzo del combustibile ma anche di migliorare la resa economica, tale da rendere la spesa dell’impianto ammortizzabile in pochi anni.

MAGGIORE RENDIMENTO CON UN IMPIANTO SU MISURA

L’impianto è frutto di un complesso iter di progettazione, che ha visto l’ufficio ricerca e sviluppo di Uniconfort testare le potature di ulivo nella caldaia per le prove di combustione. Quindi, valutati il grado di umidità, la pezzatura e le caratteristiche fisico chimiche dello scarto agricolo, è stato progettato l’impianto migliore in termini di funzionalità, resa e abbattimento delle emissioni.

IL RISCATTO DELLO SCARTO

Uniconfort è attualmente l’unica in grado di fornire caldaie che bruciano diversi materiali, anche fuori standard, in risposta alle particolari esigenze del cliente, sia che si tratti di materiale acquistato sia che derivi dagli scarti di lavorazione della sua attività. Impianti in grado di bruciare senza problemi e ad alta resa materiali che altre caldaie non riescono a lavorare: con umidità molto alte (fino a M55) e con residui di ceneri cinque volte più alte del cippato: torsoli di mela, sansa di olive, lettiere di fungaie, potature di vite e vinaccia, scarti di segheria, residui di lavorazione che rappresentavano un costo per il loro smaltimento e che sono invece diventati risorsa.

Scarica il PDF di questa referenza


Condividi: